illustrazione digitale Eminflex

Illustrazioni digitale
Una donna che dorme dolcemente cullata dalle zanne di un elefante nella savana africana è il soggetto di questa campagna stampa per i materassi Eminflex, illustrazione digitale iperrealista realizzata con Photoshop della Adobe. Utilizzando Photoshop della Adobe grazie ai suoi strumenti ho potuto intervenire nei minimi dettagli sia della pelle dell’elefante rendendola cresposa che nella pelle della donna rendendola liscia e morbida, mi ha facilitato pure nella realizzazione dell’erba della savana africana oltre che del manto di stelle che adorna il cielo nello sfondo di questa illustrazione digitale iperrealista

Details

  • Categories Illustrazioni digitali
per la campagna stampa nazionale Eminflex bisognava realizzare un’illustrazione digitale che fosse inerente agli spot pubblicitari che la stessa azienda utilizzava massivamente per promuovere i propri prodotti nei quali si vedeva sempre un elefante quale protagonista principale, l’elefante è il simbolo della stessa azienda Eminflex. Come triste aneddoto l’agenzia di pubblicità si era fatta confermare un lay out che in un primo momento vedeva la campagna dover essere realizzata con uno scatto fotografico, che riprendeva una modella, nell’atto di dormire, dolcemente cullata dalle zanne dell’elefante che normalmente veniva utilizzato per gli stessi spot; il problema fu che in quel lasso di tempo l’elefante in questione morì,

era l’unico esemplare di elefante africano ammaestrato, con due protesi al posto delle zanne!

In questo caso quindi l’agenzia si trovò spiazzata, dovette abbandonare l’idea della ripresa fotografica e mi contattò per sentire se ero in grado di realizzare una illustrazione digitale iperrealista con questi soggetti. La sfida era interessante e i soggetti complessi, ma avevo altre volte risolto situazioni complicate, la luce della notte nella savana doveva rendere a questa illustrazione digitale una sorta di fascino, di magia, ho utilizzato come sempre Photoshop della Adobe e mi son concentrato nell’usare solo colori freddi, concentrando un debole controluce di tonalità più calde a riscaldare la modella e a donarle una leggera aurea sognante.