illustrazione digitale Renault Twingo

illustrazione digitale iperrealistica
campagna stampa Renault Twingo realizzazione di una illustrazione digitale iperrealista per il primo modello di Renault Twingo che sfreccia su una strada con palme e cielo americano molto polarizzato sono gli elementi di questa illustrazione digitale iperrealista realizzata nel 1993 con Adobe Photoshop

Details

  • Client Renault Italia S.p.a.
  • Date 1993
  • Categories Illustrazioni digitali
View Website
nel 1993 ho realizzato per il lancio della Renault Twingo questa illustrazione digitale iperrealista, per una campagna stampa utilizzata in diversi paesi europei. La macchina la si vede correre su una strada dall’asfalto molto pulito e nuovo, la linea di mezzeria arancione fa intuire che trattasi di strada americana, a bordo un muro nel quale si staglia l’ombra molto satura della vettura, il classico cielo “americano” estremamente polarizzato nel quale le nuvole a pecorelle escono nel loro totale candore; al di la del muro delle palme, quasi a far capire che la strada corre a fianco di una spiaggia della Florida piuttosto che della California. Per la realizzazione di questa illustrazione digitale mi sono avvalso di Photoshop della Adobe, molto lavoro nel ricreare l’autovettura,

come al solito quando si disegna una macchina si creano una marea di mascherature per isolare tutte le parti che sono da colorare…

io prediligo utilizzare i canali per fare le mascherature poiché si possono sfumare i bordi in modi diversi, uso peraltro anche i tracciati soprattutto per le zone più piccole. Le palme sullo sfondo le ho realizzate quasi interamente con il pennello che il software mette a disposizione, Photoshop nei primi anni ’90 era agli esordi e non aveva tutti gli strumenti di cui dispone ora, però in linea generale io utilizzo per realizzare una illustrazione digitale sempre gli stessi di allora, unica grande e notevole differenza sta nella velocità di calcolo dei personal computer, nella possibilità di poter tornare indietro quanto si vuole e soprattutto nella palette livelli, che nelle prime versioni non c’era e ti costringeva a lavorare solo su un livello.